Anonimo, particolare del Giudizio Universale, dal ciclo di affreschi della confraternita di Santa Croce (post settembre 1399). Leonessa, chiesa di San Francesco.


Gaetano Braga. Un musicista europeo tra Lecco e Varenna

Gaetano Braga. Un musicista europeo tra Lecco e Varenna

Clicca sull'immagine per ingrandire

CONVEGNO DI STUDI

con il contributo di
Regione Abruzzo
Provincia di Teramo
Fondazione della Provincia di Lecco
Comune di Lecco

con il patrocinio di
Accademia Nazionale di Santa Cecilia 

in collaborazione con
Istituzione Villa Monastero
Associazione Culturale "G. Braga" di Giulianova
Fucina Ghislanzoni, Caprino Bergamasco 

VARENNA, VILLA MONASTERO, 15 - 16 SETTEMBRE 2007

Sabato 15 settembre

Villa Monastero - ore 10.00
Cerimonia inaugurale Angelo Rusconi:
Introduzione ai lavori: Braga sul Lario 

Prima sessione - ore 10.30
BRAGA IL MAESTRO
Presiede Angelo Rusconi
Antonio Caroccia: Braga a San Pietro a Majella: documenti d'archivio e fonti musicali
Carla Ortolani: Braga e il violoncello: la scuola, il pensiero, la tecnica
Giovanni Di Leonardo: Gaetano Braga attraverso le lettere
Valentina Liberatore: Gaetano Braga nella prospettiva catalografica 

Seconda sessione - ore 15.30
BRAGA IL COMPOSITORE
Presiede Guido Salvetti
Antonio Rostagno: Violoncellisti e compositori nell'Italia ottocentesca
Valerio Annicchiarico: L'edizione del concerto in la minore per violoncello e orchestra
Francesca Seller: "Alina" al teatro del Fondo di Napoli
Pietro Faustini: Ruy Blas tra ‘drame e mélodrame' nel grande successo di D'Ormeville/Marchetti e nel rivale inedito di Peruzzini/Braga

Lecco, Teatro della Società - ore 21.00
Concerto di gala: Omaggio a Gaetano Braga

Domenica 16 settembre

Terza sessione - ore 10.30
BRAGA PROTAGONISTA DEL SUO TEMPO
Presiede Francesco Zimei
Marco Beghelli: Braga e Rossigni: lampi fugaci di un'amicizia artistica
Quirino Principe: Gelo e disgelo di un musicista italiano
Oreste Palmiero: «Mio carissimo Tonietto». L'amicizia Braga-Fogazzaro attraverso le lettere e i documenti
Walter Tortoreto: Braga e Tosti
Guido Salvetti: Conclusioni